Il valore dei dati personali su computer e smartphone? 612 € secondo Kaspersky

Il valore dei dati personali su computer e smartphone? 612 € secondo Kaspersky

La nota azienda Kaspersky Lab, che si occupa dello sviluppo di software antivirus, ha reso pubblici i risultati della ricerca annuale sulle abitudini degli utenti nell’approccio ad internet. In questo ambito il dato che emerge è il valore medio dei dati salvati sui computer e sui dispositivi mobili degli utenti: 612 €. Questo è uno dei motivi che spinge molte vittime dei virus che criptano i file a desiderare di recuperare i dati pagando il riscatto richiesto, che spesso si aggira intorno alla metà di questo valore.

La diffusione di virus di tipo ransomware, in crescente diffusione negli ultimi mesi, è agevolata proprio dal pagamento del riscatto da parte delle vittime nel tentativo di recuperare i file. Nonostante non vi sia alcuna certezza di recupero pagando la cifra richiesta dai criminali, le statistiche indicano che almeno il 40% degli utenti sia interessata a come pagare il riscatto.
Il motivo è semplice: il valore economico dei dati creati e salvati nel tempo supera enormemente la cifra richiesta dal virus. Per il 39% degli intervistati il valore supera addirittura i 1000$ (circa 897€).

Il 90% degli utenti afferma di salvare sui propri dispositivi dati personali importanti, quali video, foto, messaggi di posta e contatti, ammettendo che, in caso di perdita definitiva, non sarebbe in grado di recuperare il 15% di questi file.

Un altro dato importante è che il 90% degli utenti Windows che contribuiscono alla statistica hanno installato un software antivirus, che purtroppo non da alcuna certezza soprattutto nel caso di software gratuiti, ma che può limitare i danni. Purtroppo solo 6 utenti Apple su 10 ha la stessa accortezza. Il dato più grave racconta che il 23% degli intervistati non ha adottato una strategia di salvataggio dei dati, neanche di quelli più importanti.

Il parere di Kaspersky

È curioso che nonostante le persone attribuiscano un tale valore ai loro dati e comprendano l’impossibilità di recuperarli, facciano così poco per proteggerli, preferendo affrontare i problemi quando si presentano. Tuttavia, in caso di criptazione dei file, anche pagare il riscatto non garantisce la restituzione dei dati al proprietario. Inoltre, sfortunatamente, i ransomware non sono l’unica minaccia a mettere in pericolo i dati personali. Ad esempio, i dati potrebbero venire persi o rubati insieme al dispositivo. Questo significa che un comportamento poco attento potrebbe portare a subire un’esperienza traumatica e una consistente perdita finanziaria.

Morten Lehn

Morten LehnGeneral Manager Italy - Kaspersky Lab

E’ possibile provare a recuperare i file criptati con alcune tecniche già viste in precedenza in questo articolo, ma la soluzione per questo tipo di virus è sempre la prudenza nell’utilizzo degli strumenti informatici e la buona strutturazione della propria rete, con sistemi di backup e piani di formazione.

Ho risolto il tuo problema?

Spero di esserti stato d'aiuto!

La stesura di questi articoli impiega tempo ed ore di ricerca. Se hai trovato questo articolo utile e vuoi cliccare su Mi piace mi farai un gesto molto gradito.

Condividi questo post

Commenti (2)

  • Claudio Vannucci Rispondi

    Ottimo servizio. Enrico è persona disponibilissima. Mi ha risolto in pochi minuti un problema di files attaccati da virus. Grazie

    il 12 luglio 2016 alle 9:32
    • Enrico Marcolini Rispondi

      Grazie mille Claudio,
      è stato un piacere collaborare con te. Se passi da Verona un caffè è offerto!

      il 12 luglio 2016 alle 9:42

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Leggi altro:
Quale software per il backup? Il migliore!

Un ottimo programma per la gestione del backup aziendale è BackupPC, un software open source in grado di salvare file...

Anziani al computer
Anziani e computer: la paura dello strumento

Gli errori più comuni nell’approccio alle tecnologie sono due e sono diametralmente opposti: la paura dello strumento (tipico degli anziani) e...

cryptolocker
Cryptolocker: il virus che cripta i file e chiede il riscatto

Nella maggior parte dei casi  il virus arriva via email e ha come mittente una di queste varianti:

Backup dei dati
Backup e ripristino: i tuoi dati sono al sicuro?

In un periodo storico dove i computer occupano sempre meno spazio, gli smartphone sono sempre più leggeri e i supporti...

wordpress_file_upload plugin
WordPress File Upload: il plugin per il caricamento dei file

Chiudi